Motori "Test Drive"

TEST DRIVE: KIA STINGER GT Line 2.2 CRDI
 

 

Buongiorno a tutti, come potete vedere dal titolo ho avuto modo di provare, grazie alla concessionaria SEA di Gaglianico (BI), la nuova Kia Stinger in allestimento GT Line e con la motorizzazione diesel 4 cilindri 2.2 da ben 200cv.
Comincio a parlare della linea, decisamente riuscita per me. Ci sono dei richiami ad altri modelli ma complessivamente, soprattutto dal vivo è gradevole, l'auto è imponente, lunghissima e ben piazzata, è una vera e propria ammiraglia sportiva.
L'unica cosa che non mi convince, ma che per altri è il vero segno distintivo, sono i prolungamenti dei fari posteriori, che servono per il mercato americano come segnalazione laterale della vettura, ma che non si integrano con una linea laterale sportiva e piuttosto “pulita”.

 

 

Internamente il discorso dei richiami si ripete, ma l'ambiente è davvero curato, ho apprezzato molto alcuni dettagli che neanche alcune tedesche “premium” hanno, come le palette al volante in alluminio ad esempio, dettagli magari di poco conto, ma che fanno apprezzare il lavoro svolto da Kia per impreziosire l'abitacolo.

L'ergonomia dei comandi e il comfort sono davvero di prima classe.
Certi materiali nel sottoplancia non sono proprio nobili ma nel complesso è davvero un piacere trovarsi all'interno. Mi piace anche la posizione del sistema multimediale, un po meno la corniciona in plastica troppo spessa.
Sono un metro e 91 e non ho avuto il minimo problema a trovare la posizione di guida adatta. Sia il sedile che il volante sono elettrici e adatti quindi a qualunque altezza.

 



Tasto start, D e via, partiamo.
Il volante è leggero, manovri l'auto senza problemi nonostante la sua grandezza, una volta in strada poi, diventa consistente, ma quello che davvero ti stupisce e gratifica è il comportamento di guida. Nonostante la massa e la lunghezza di ben 4.83cm, nelle curve è agile, composta e da molta fiducia, ti da talmente tanta confidenza che hai voglia di aumentare il ritmo e di cercare qualche misto stretto per divertirti.
Auto sempre piantata a terra, grazie anche alla trazione integrale, optional per questa GT Line, anche se consiglierei per i più sportivi di rinunciarci per avere di serie la trazione posteriore, più “giocosa” anche se meno sfruttabile per un uso a 360° della vettura, questo è vero.
Quindi la dinamica è il punto forte dell'auto e si vede dove Kia ha voluto lavorare di più, dove ha concentrato la maggior parte del lavoro, infatti i test al Nurburgring e la mano dell'ex BMW Motorsport Biermann si sentono davvero.
Il motore spinge bene, non è un “mostro”, coppia e potenza ci sono ma non è il motore per chi cerca prestazioni massime, per quello c'è sempre il 3.3 biturbo da 370cv. Per il resto è molto piacevole, soprattutto ad andature normali e costanti, molto vellutato e, tranne in accelerazione, anche silenzioso. Ottimo per chi cerca un motore parco ed equilibrato per macinare km in autostrada.
Questo test drive non è durato molto, ma mi ha dato modo di capire che Kia fa sul serio e non solo con i segmenti soliti dove ormai la vediamo ben salda, ma sul difficilissimo, soprattutto qua in Europa, dominato dalle tedesche, segmento delle berline - coupè sportive. Se non ci si sofferma sul badge sul cofano, la sensazione è quella di una vettura premium, molto ben rifinita, solida e dal comportamento di guida esemplare. E' un'auto che mi ha divertito e appagato. Considerando poi il prezzo, non basso, ma assolutamente adeguato alle caratteristiche dell'auto e dall'allestimento più che completo, la consiglierei assolutamente, o perlomeno consiglierei a tutti i detrattori di andarla almeno a vedere e provare, sicuro, si cambia idea. Ottimo lavoro Kia.



Andrea Caucino