The Times They Are a-Changin'

Comment

The Times They Are a-Changin'

Le strade cambiano. L'asfalto liscio e nero come un manto di seta in principio si tinge di grigio: il sole e il tempo disegnano pitture rupestri complesse e confuse, il terreno sottostante muta frantumandone le convinzioni, la natura lo ricopre, il cielo continua immutato sopra di lui.

Ho voluto cominciare così, in questo modo più poetico l'editoriale di questo mese, dove come sempre mi piace portarvi un mio pensiero o riflessione su cui mi sono soffermato di recente. 

La mia mente si è fermata per qualche tempo  sulle parole di una canzone di Bon Dylan "The Times They Are A-Changin", testo scritto in tempo di guerra, proiettata al futuro, al potere del cambiare le cose, di lasciare la vecchia via per una nuova di pace.

 La parte migliore di questo testo risiedeva delle ultime strofe:

 Come mothers and fathersThroughout the land
And don't criticize
What you can't understand
Your sons and your daughters
Are beyond your command
Your old road is rapidly agin'
Please get out of the new one
If you can't lend your hand
For the times they are a-changin'


Ogni volta che ascolto questa canzone è un tuffo al cuore, perché purtroppo mi rendo conto di come il mondo necessiterebbe di andare oltre, liberarsi di molte vecchie convinzioni, perché nulla è eterno. Ma mai come ora alcuni giovani avrebbero bisogno della presenza, affetto e conoscenze degli anziani, ormai completamente persi tra problemi e televisione. Siamo su di un filo e come sempre andremo oltre, il come lo faremo e cosa troveremo al di là sarà la cosa interessante da scoprire.

 

Mattia Corbetta

 

Voglio aggiungere ancora una cosa: all'interno di questo numero troverete il primo editoriale di moda prodotto da me, dalla nostra meravigliosa stilista Tatiana Fusi e dalla bellissima e talentuosa MUA ed Hair stylist Giulia Torta (e grazie anche alla nostra fantastica Georgia Rivelli). Vi consiglio di andare a vedere la nostra pagina su Facebook "Disordine & Creatività" su cui posteremo ogni nostro futuro lavoro.

Grazie a tutti!

Comment

Fashion Editorial: Day vs Night

Comment

Fashion Editorial: Day vs Night

Day vs. Night.

 

This editorial is rooted in the minds of three young creative, fueled by a passion for the new, fascinating and fantastic; a combination that fits with the theme and inspiration that we propose today: the much anticipated "Batman Vs. Superman: Dawn of Justice".

The choice of designs and colors came from the filmography and from classic comics from DC Comics, in particular "The Return of the Dark Knight" by Frank Miller, "The Best Super Heroes” by Paul Dini and Alex Ross and finally by the timeless classic "Batman" by Tim Burton.

Photography, fashion and make‐up go into marriage with the characteristic features, not just the super heroes in tights, but also cast a realistic and intimate look into the lives of real-world counterparts: Bruce Wayne and Clark Kent.

In each picture you can find an element that unites the "human" to the heroes, making them connected by a thin unbreakable thread; this vision emphasizes their

Abysmal differences, character and life style and creating an unbridgeable contrast so as to bring to an inevitable clash than expected.

The two characters, represented individually, show instants and moments of everyday life taken directly from the comics imaginary.

  Fascinating and mysterious Bruce Wayne lives a hard, busy life and he is surrounded by a dark aura and perpetually steeped in darkness and revenge. The traits are harder, a more serious look and the environments, as if to be influenced by it, seem almost grotesque and terrifying.

Clark Kent, on the contrary, carries out his work as a journalist almost in a traditional manner. We wanted to represent Clark Kent intent on typing on a typewriter or with a film camera as a tribute to the golden age of superheroes (the late '40s). The most colorful and solar style reveals the best part of the alien hiding among humans, showing her lover and more sensitive side for the earth.

Clark Kent Look #1

Bruce Wayne Look #1

Clark Kent Look #2

Bruce Wayne Look #2

Bruce and Clark #1

Bruce and Clark #2

Batman #1

Superman

Batman #2

Batman vs Superman

The stylist talks about the dresses:

01 - Clark Kent Look #1: look inspired by the figure of the journalist Clark Kent, reporter whose job is not just sitting behind a desk, but also field job and reports facts and events. From this idea comes the choice of comfortable clothing, shorts with turn-ups in corduroy that recall the classic trousers for men, large and comfortable linen blouse which is then shaped by the slim vest. To complete the set, a pair of comfortable low shoes male style.


02 – Bruce Wayne Look #1: Bruce Wayne can afford to wear a tail-coat for every hour of the day, here is the choice for the woman who personifies Wayne, complete in high-waisted trousers frack jersey printed to be worn during the day and also have a more easy look.


03/05/06 – Clark Kent Look #2: look always comfortable, convenient and practical for our Clark Kent woman, jeans slim fit, body and a t-shirt black, with a touch of sophistication with a jacket with weave embroidery in baroque style.


04/05/06 – Bruce Wayne Look #2: blue little dress for a chic aristocratic; elegance and sophistication is not to show off, you’re or your’not.


08/10 - Superman: vaporous and wide dress as the strength of the superhero; tulle, organza and blue lace going to emphasize the character of Superman. Simple with a goodheart not yet touched by hatred, which is rare and precious like lace.

07/09/10 - Batman: total black look with vertiginous gap and a large cloak lace. Sexy and provocative for a woman that attracts with its mystery.

 

 

 

 

 

Disordine e Creatività Team

 

Photography – John Oliver (aka Mattia Corbetta)

 

Fashion Supervisor & Stylist – Tatiana Fusi

 

Make‐Up & Hair Styilist – Giulia Torta

 

 

Team for Day vs. Night

Models

Bruce Wayne/Batman - Laura Cislaghi

Clark Kent/Superman - Elisa Canella

 

Assistant MUA (photo 07/08/09/10 Batman vs Superman) – Georgia Rivelli

 

Location – Agorà Hotel Biella

 

 

 Brands for clothes and accessories

 

All the dresses shown in the pictures were hand made by the stylist Tatiana Fusi.

Shoes provided by Biella store: Primo Piano

 

01 – Clark Kent Look#1

Shoes: Via Studio

 

02 – Bruce Wayne Look#1

Shoes: Jeannot

 

03 – Bruce Wayne Look#2

Shoes: Chantal

 

04 – Clark Kent Look#2

Shoes: Espadrilles

 

05 – Bruce and Clark #1

Shoes Bruce Wayne: Chantal

Shoes Clark Kent: Espadrilles

Accessories: Coccinelle

 

06 – Bruce and Clark #2

Shoes Bruce Wayne: Chantal

Shoes Clark Kent: Espadrilles

 

09 – Batman #2

Shoes: Silvana

 

10 – Batman vs. Superman

Shoes Superman: Pura Lòpez

Shoes Batman: Silvana

 

 

Disordine e Creatività

A creative pool joins, reinvents, creates and brings into reality the dreams, fantasies and staged his own soul and his talent.

Photography, fashion and care in make-up and hair style come together in a sensual dance which comes from a collective vision, but carries within itself three different visions but in harmony.

Mattia Corbetta

Aka John Oliver has participated in various local and national competitions with awards and commendations, publication on the portal PhotoVogue and on Dark Beauty Magazine.

The passion for photography is present permanently and is grown through the three creative outlets that prefer: portrait, fashion and reportage.

 

Tatiana Fusi

He graduated at the NABA (New Academy of Fine Arts) in Milan in Fashion & Textile Design, and then followed specialized courses in tailoring, moulage and clothing product manager.

After the experience of a year in London he returned to Italy and started his own business as a fashion designer for companies and individuals. Arises, first and foremost, the goal of achieving the perfect harmony of style, creativity, quality of the fabrics, all set off by an 'excellent tailoring skills always strictly respecting the beauty of the made in Italy.

 

Giulia Torta

Young hairstylist who loves his work and exercises with passion and dedication. Creative girl, determined, dynamic, firmly he believes in hard work as the only way to achieve their goals and is always looking for new opportunities that will allow it to grow personally and professionally.

For Giulia the watchword is "unique"; fashion is often understood as "imitation", as she is every day looking for differentiation.

Giulia is now working for the top hairstilist brand Aldo Coppola ( in Borgomanero).

 

Agora Palace Hotel

Listed as one of the internationally renowned hotels, it is proposed with modern and elegant ambience blending perfectly with the latest technological standards.

An enviable location, suitable for every need, and a structure refined with elegance and class.

A rigorous care for detail, refined materials and furnishings.

Wireless internet access in all public areas. The hotels chosen by celebrities and sports stars.

Comment

OGNI COSA CHE PUOI IMMAGINARE  LA NATURA L'HA GIA' CREATA!

Comment

OGNI COSA CHE PUOI IMMAGINARE LA NATURA L'HA GIA' CREATA!

" Ogni cosa che puoi immaginare, la natura l'ha già creata "

Con questa frase, una delle più brillanti menti del nostro secolo, usava descrivere tutto ciò che ci circonda senza esser frutto del nostro genio.

E in effetti, se proprio si volesse guardare alla moda con una tendenza poetica, ogni cosa è vestita e vestito in natura..

Dalle verdi foglie che coprono la nuda corteccia del ciliegio, ai suoi fiori che fungono da elegante accessorio;

Dalla gialla buccia dell'arancio, che protegge il suo rosso e delicato interno, fino all'elegante viola glicine, che cade come un vestito, rendendo gradevole qualsiasi panorama.

http://static.giardinaggio.it/giardino/rampicanti/wisteria/wisteria_NG16.jpg

http://static.giardinaggio.it/giardino/rampicanti/wisteria/wisteria_NG16.jpg

Se è nel nostro intento voler vedere le cose, non solamente con gli occhi, ma cercando di scrutare con maggiore profondità ciò che ci circonda, allora potremo accorgerci che la natura non sembra essere altro che una continua sfilata di forme e colori che l'uomo può solo provare ad imitare.

Ma come possiamo provare ad imparare quest'arte dalla natura? In quale modo possiamo collaborare con essa al fine di ottenere un perfetto equilibrio tra "creato" e creatività?

In realtà la natura offre al mondo della moda svariate opportunità per poter usufruire degli immensi tesori di cui è padrona;

In un'epoca in cui l'inquinamento e lo sfruttamento delle risorse si sono trasformati, con estrema velocità, in problemi tra i più preoccupanti mai gestiti dall'umanità, la natura concede alla moda un'occasione per dare un contributo, offrendo quanto piu' ha di appariscente ai nostri occhi... I COLORI!

In realtà non si tratta di chissà quale innovazione, ma piuttosto di qualcosa che abbiamo dimenticato e che dobbiamo assolutamente ricordare..

L'uomo era già solito utilizzare Colori ricavati da fiori,frutti, spezie e quanto di più inimmaginabile si possa pensare, ottenendo risultati che quasi toccano la perfezione!

Ma una cosa è leggerlo in un libro di storia, un'altra è trovarsi a verificare con i propri occhi le svariate tonalità e sfumature di rosso che può regalare una semplice barbabietola se viene immerso, nel suo succo, un banale tubino di cotone bianco. O come sembra diventare sabbia una gonna immersa in del caffè.

I passi per ottenere questi grandi risultati sono davvero semplici e internet offre migliaia di istruzioni su da cosa e come ottenere il colore che preferiremmo;

Ci basta fare un salto in un qualsiasi supermercato vicino e fornirci dei pochi ingredienti necessari per dare vita ad un vestito, tutto nel rispetto dell'ambiente che ci circonda e in perfetta armonia con la natura e quanto più di bello ci ha regalato.

Quindi in parte è vero " Ogni cosa che puoi immaginare, la natura l'ha già creata " ma è anche vero che ogni cosa che immaginiamo possiamo crearla con la natura..

Nei prossimi mesi vi aggiornerò con le immagini delle mie creazioni tinte a mano da me, se qualcuno di voi fosse interessato a sperimentare:

http://www.tuttogreen.it/come-tingere-vestiti-e-tessuti-in-modo-ecologico/

 

Tatiana Fusi

Comment

Fondazione Prada: WOW!

8 Comments

Fondazione Prada: WOW!

Cosa fare in una domenica di primavera in cui il sole è protagonista, l’aria è fresca e le giornate sono più lunghe?

Una corsa in riva al lago, un pranzo leggero e poi spazio all’arte, e che spazio aggiungerei…

Milano ha vissuto un periodo di grande visibilità grazie a Expo 2015, e l’intera città ne risente ancora portando avanti iniziative di grande portata culturale.

Ma lo spazio di cui vi vorrei parlare è quello che è stato inaugurato il 9 maggio scorso, ovvero il nuovo colosso dell’arte contemporanea italiana: la nuova sede della Fondazione Prada.

Con i suoi 19000 metri quadrati di superficie (appartenuti a un ex distilleria), la nuova sede progettata da Rem Koolhaas è pronta a rivoluzionare i luoghi tradizionali dell’arte.

Un museo interattivo che punta su percorsi tematici, mostre, spazi per bambini, spazi dal mood sofisticato, ma anche molto entertainment.

Entrando si rimane colpiti dal silenzio surreale che pervade tutto, sembra di essere in una bolla di sapone.

Un caffè e un dolcetto nel meraviglioso Bar Luce progettato da Wes Anderson e si parte per quest’avventura.

Si parte dal Podium, il piccolo gioiello di Koolhaas, un parallelepipedo costruito con la luminosissima schiuma di alluminio in cui è presente l’opera più incredibile:

Un androide con la barba, che appare come un simbolico, inatteso e provocatorio alter ego dell’artista Goshka Macuga.

Questa scultura (anche se l’artista non vuole rivelarlo, ha le sembianze di Nabil, fidanzato di Goshka) ripete senza sosta frammenti di discorsi pronunciati dalle più diverse personalità della Storia: un simbolico archivio del pensiero dell’umanità.

Si passa poi a “L’image volée”, una mostra collettiva curata dall’artista Thomas Demand, che occupa i due livelli della galleria Nord.

Il suo intento è di indagare le modalità con cui gli artisti hanno sempre fatto riferimento a un’iconografia precedente per realizzare le proprie opere, concentrandosi sul furto, la nozione di autore, l’appropriazione in modo ironico e originale.

L’opera di Demand prosegue poi nel Cinema -1 dove ci presenta la sua riproposizione di una grotta costruita con oltre 30 tonnellate di cartone, intitolando la sua installazione “Processo grottesco”.

Infine, dopo esservi persi in questo labirinto di meraviglie si entra nella Galleria Sud, dove sono presenti le opere selezionate e collezionate nel tempo da Miuccia Prada e Germano Celant: ciliegina sulla torta di un percorso stupendo.

Con gli occhi pieni di stupore, e con il sole ormai tramontato, usciamo da un’esperienza incredibile, un’oasi di pace a pochi passi dalla frenesia di Milano.

Eh sì, a volte per caso ci si ritrova in luoghi che suscitano emozioni inaspettate.

Provate signori, provate.

Valentina Poerio

 

Io continuo a stupirmi. È la sola cosa che mi renda la vita degna di essere vissuta.

(Oscar Wilde)

 

 

8 Comments

La Follia è su Innistrad!

Comment

La Follia è su Innistrad!

Konichiwa a tutti amici miei, e bentornati sulle pagine di Forge per un nuovo articolo della rubrica NERD.

Sono passati un po di mesi da quando ho scritto di magic per l'ulòtima volta, forse era addirittura Theros l'espansione analizzata.

Questo giro si torna su Innistrad, il piano madre di Liliana e Sorin, per un'espansione molto promettente e con una storia davvero intrigante alle spalle.

Partiamo con un po di lore, quindi;

dopo che Jace,Gideon, Chandra e Nissa hanno aiutato Nahiri a sconfiggere e distruggere i due titani Eldrazi Ulamog e Kozilek sul piano di Zendikar, Jace è partito alla ricerca di Sorin Markov, il planeswalker vampiro di Innistrad, ingiustificato assente nella lotta agli Eldrazi, per avere risposte sulla natura dei titani eldrazi, cercando di chairire i suoi dubbi.

Qui dobbiamo fare un leggero passo indietro per spiegare un po di cose su Innistrad: in un piajo dominato da vampiri, lupi mannari e zombie, gli umani non avevano vita facile, quindi secoli fa Sorin creò l'Arcangelo Avacyn per proteggere gli uomini dalle razze superiori sempre in cerca di morte, ma sopratutto per preservare la fonte primaria di nutrimento dei vampiri, ovvero, gli uomini.

Creò anche una religione attorno all'angelo in mondo tale che i riti e le preghiere la rendessero più forte contro le minacce esterne, e il Consiglio del Lunarca come base della Chiesa di Avacyn.

Il diario con gli indizi trovato da Jace

Il diario con gli indizi trovato da Jace

Finito l'excursus, torniamo ai giorni nostri, Avacyn e i suoi angeli sono caduti preda di una follia che ha invaso tutto il piano, rivoltandosi contro gli umani che avevano giurato di proteggere, follia causata da ancora non si sa cosa, che colpisce sia gli angeli, che gli uomini, che i vampiri; Jace giunge al maniero Markov per rintracciare Sorin, invece di un castello ancestrale si ritrova davanti a un grottesco insieme di pietre contorte, con muri e pareti deformati, e nella pietra sono incorporati i corpi senza vita dei discendenti Markov, chiaramente qualcosa è successo, e in mezzo a tutti i vampiri martoriati trova un diario con una serie di indizi sulla follia di Avacyn.

La Follia di Avacyn

La Follia di Avacyn

Chiaramente si capisce subito che è opera di Nahiri, giunta sul piano da Zendikar per vendicarsi di Sorin e del suo aiuto mai arrivato nella lotta ai titani, e il castello oltre che su tutto il piano il suo operato di maestria in roccia e terra è ben visibile a tutti.

L'operato di Nahiri al Maniero Markov

L'operato di Nahiri al Maniero Markov

Jace scopri a Nephalia, il quartiere portuale di Innistrad, un tempio costruito da zombie dedicato a un non specificato antico dio del mare, con angeli orbitanti come falene attorno a una fiamma, e giunse alla conclusione che Avacyn era la chiave di questa follia; giunto a Thraben, la capitale, nella cattedrale incontro Tamiyo, la Planeswalker del piano di Kamigawa, autrice del diario con gli indizi, e unirono le forze nel cercare di sconfiggere l'angelo, che purtroppo era nettamente superiore ai due messi insieme, e quando ormai furono alle strette, quasi sul punto di morire per mano della lancia angelica, apparve Sorin, e nella Volta dell'Arcangelo, come creò Avacyn, in egual modo la distrusse per salvare la vita dei due Planeswalker, anche se estremamente riluttante al pensiero di quello che aveva appena compiuto.

La Distruzione di Avacyn per mano di Sorin

La Distruzione di Avacyn per mano di Sorin

Con Avacyn distrutta, Jace tenta di convincere Sorin a tornare su Zendikar ad aiutare i Guardiani ad affrontare Emrakul, il terzo titano Eldrazi.

Ma Sorin immediatamente realizza cosa ha pianificato Nahiri nella sua vendetta, e realizza anche che ha fatto esattamente il suo gioco...

 

Cosa sarà questo piano di Nahiri lo scopriremo il 22 luglio, con la nuova espansione Eldritch Moon, fino ad allora, via a sbizzarrirsi con le nuove carte.

 

Voglio spezzare una lancia in favore dei lore, delle storie dietro le carte di magic, che sono dei veri e propri romanzi scritti da ottimi autori, molte volte bistrattati e considerati pocoe niente, solo alla stregua delle carte da gioco, quando invece il mondo fantastico di Magic è veramente un universo immenso, e le storie dietro le espansioni sono libri in tutto e per tutto, che tranquillamente posso paragonare quasi, dico quasi, a storie tipo il Signore Degli Anelli per come prendono il lettore.

 

Ora, un po di meccaniche della nuova espansione:

  • la meccanica investigate, ovvero ci permette di mettere in gioco un idizio, un artefatto che con 2 mana sacrificandolo ci fa pescare una carta;

  • Tornano i mannari ovviamente, un tipo di meccaniche generalmente sulle creature, che si attiva se non vengono giocate magie nel turno precedente, e si riattiva nel caso vengano giocate due o più magie per ritrasformarlo in umano;

  • ovviamente la sopracitata follia, che ci consente di scartare una carta con l'abilità follia, e invece di metterla nel cimitero possiamo giocarla pagando il suo costo di follia, massimizzando anche effetti negativi come lo scartar le carte dalla mano

  • la meccanica Delirium, che da determinati benefici se abbiamo quattro o più tipi di carte diversi nel nostro cimitero

 

Si preannuncia un'ottima stagione per lo Standard, sopratutto dal momento che rinoceronti e antenati ci hanno abbandonato con l'arrivo di Innistrad, come al solito spero che questo punto focale sulla storia dell'espansione vi sia piaciuto, ho volontariamente trascurato le meccaniche se non proprio per piccola parte, dato che, ripeto, molte volte la gente gioca non sapendo cosa ci sia alle spalle delle figurine, non conoscendo la storia, ed è un peccato!

 

Stay Tuned!

 

Lorenzo Ferrari

Credits:  magic.wizards.com

Comment

Terre Toscane

2 Comments

Terre Toscane

Bentornati amici!!! Aprile è un mese importante per le vostre Infrigoveritas: festeggiamo il nostro primo anno nell'allegra famiglia di Forge of Talents! Un Grazie speciale va a voi fedeli lettori e ai nostri colleghi redattori!

E' capitato spesso in questi 12 numeri che vi portassimo con noi in giro nei nostri viaggi golosi perché si, l'avrete capito, siamo due amiche mangione! Curiosi della meta di questo mese?! Abbiamo la fortuna di avere degli amici che vivono in Toscana e che ci hanno fatto da ciceroni per un gustoso weekend. Alla Toscana non manca nulla: paesaggi, arte e tradizioni, ogni regione è uno spettacolo per gli occhi. Da Pisa a Firenze, culla del Rinascimento fino alla misteriosa e magica Volterra. Ed è proprio di questo antico borgo che vogliamo parlarvi.

Volterra, panorama

Volterra, panorama

Arrivare a Volterra, incanta. Il cielo sembra appoggiarsi delicatamente sul profilo delle colline immerse nel verde. Tra le sue mura medioevali sono racchiusi 3000 anni che vanno dagli Etruschi fino all’Ottocento e visitarla è come aprire un libro di storia. Le tracce artistiche e monumentali possono essere ammirate passeggiando per le vie del centro storico e visitando i musei cittadini: il Museo Etrusco, la Pinacoteca Civica, il Museo d'Arte Sacra, l'Ecomuseo dell'Alabastro. Accanto a questi monumenti si può trovare un paesaggio incontaminato, una qualità della vita ancora a dimensione umana e un artigianato artistico unico al mondo: l'alabastro (è pieno di negozietti carinissimi!).

Ma passiamo al nostro argomento preferito: la buona tavola!

A Volterra, come in tutta la Toscana, la cucina tipica comprende piatti genuini e saporiti, di origine antica, fatti con ingredienti semplici e il tutto accompagnato da vini pregiati come il Chianti e il Brunello di Montalcino.

Il pane toscano è il re della tavola e si differenzia dal pane prodotto in altre zone d'Italia perché totalmente privo di sale. Per chi non è abituato a mangiarlo può risultare insipido, ma il suo scopo è soprattutto quello di accompagnare cibi decisamente saporiti. Come ad esempio nei crostoni e nelle bruschette.

Tipici crostoni Toscani

Tipici crostoni Toscani

Le zuppe sono piatti forti della tradizione rurale toscana. Insieme al pane raffermo si mettono verdure e legumi e si insaporisce il tutto con aglio e cipolla. I più famosi sono la ribollita, la zuppa di cavolo nero, la zuppa di fagioli e pappa al pomodoro, ma anche la semplicissima panzanella (sotto la ricetta!).

La Ribollita

La Ribollita

Quando si parla della cucina toscana impossibile non citare insaccati e formaggi, come il pecorino toscano, la finocchiona o i salumi di Cinta Senese, realizzati con le carni del tipico maiale nero. Specialità più particolari tipiche della Toscana sono il lardo di colonnata, la trippa e il lampredotto, quest'ultimo diffuso nei dintorni di Firenze.

La carne, preparata in molti modi diversi, è tra le cose che chiunque vada in Toscana deve assaggiare. Ultima che citiamo ma assoluta regina incontrastata: la leggendaria bistecca alla fiorentina, realizzata con carni di razza Chianina. Si chiama fiorentina per il particolare taglio e per la cottura, necessariamente al sangue. Per intenditori come noi tagli dal 1.5 kg in su!!!

La Fiorentina

La Fiorentina

Anche per i dolci gli ingredienti sono semplici a base di frutta secca, castagne e miele. Nascono così tutti i dolci senesi come i ricciarelli, il panforte e i cantucci che si accompagnano divinamente con il Vin Santo.

Se avete in programma una gita in Toscana vi consigliamo due posti Top:

Firenze: Osteria-Fiaschetteria Nuvoli – Piazza dell’Olio, 15R

Tipica Trattoria alla Toscanaccia dove mangerete i veri piatti della tradizione con gusto in un clima rustico, molto alla buona e senza sorprese sul conto pur essendo alle spalle del Duomo!

Wi-Fi gratuito password: chianticlassico.2015  ... tutto detto!!!

 Volterra: La Sosta del Priore - Vicolo delle Prigioni 2

Sosta inevitabile e non spaventatevi se c’è la fila perché i panini sono una vera e propria opera d’arte!!!

 

Una ricettina semplice dal sapore estivo per voi… la Panzanella!!!

Panzanella Fiorentina

Panzanella Fiorentina

 

6 fette di pane raffermo

2 coste di sedano

1 cipolla

400 g pomodori datterino

Basilico

Aceto

Olio extravergine

 

Se non disponete del pane raffermo potete spezzarlo e metterlo in forno a tostare per 10/15 minuti a 180 gradi. Nel frattempo lavate e pelate il sedano e tagliatelo in modo sottile, fate lo stesso con la cipolla che dopo che le avete spellate e tagliate a fettine sottilissime, potete metterle in una ciotola con acqua e aceto per far scaricare un pochino di sapore, tagliate i pomodori in quattro e unite tutti gli ingredienti in una ciotola , condite con olio aceto e sale e qualche foglia di basilico. Una volta tostato il pane aggiungetelo alle verdure e miscelate con le mani, in modo di rompere ulteriormente i pezzi tostati.

Servite fredda. E’ una BOMBAAAAAA, occhio all’alito però!

Che ne pensate della cucina toscana?! Fateci sapere!

Vi aspettiamo il prossimo mese con una "dolce" sorpresa!

Baci dalle vostre InfrigoVeritas!

Anna & Georgia

 

https://it.wikipedia.org/wiki

https://www.discovertuscany.com/it/

 

 

 

 

2 Comments

ACCIDENTALLY IN WORDS

Comment

ACCIDENTALLY IN WORDS

Cari Followers,

come avete trascorso la vostra Pasqua?!

Io ho avuto il piacere di trascorrere qualche giorno a Londra, con mia mamma, che è venuta a trovarmi dall’ Italia.

Ne approfitto, quindi, per raccontarvi cosa abbiamo fatto e darvi qualche suggerimento se volete ottimizzare i tempi e organizzare una breve gita da queste parti.

Mia mamma è arrivata di sera tardi, quindi abbiamo avuto a disposizione 3 giorni interi, perché l’ultimo lo abbiamo passato a Welwyn, con la mia host family.

Il primo giorno il tempo è stato favoloso, non freddo e soleggiato, quindi ne ho approfittato per farle vedere tutte le cose interessanti all’aperto.

Prima tappa Buckingham Palace, ovviamente, ma soltanto un po’ di fotografie dall’esterno e un giro attorno al monumento della Regina Vittoria. Poi abbiamo deciso di attraversare S. James Park. Questo parco è abitato da numerosi scoiattoli e c’è un lago con cigni, oche, anatre e i celebri pellicani. Mia mamma lo ha molto apprezzato, soprattutto perché qui i parchi sono estremamente curati e puliti e per un’ italiana probabilmente è una novità.

 

Costeggiando il parco si arriva alla cattedrale di Westminster, famosissima per le tombe dei monarchi, ma purtroppo l’ingresso è molto caro e nemmeno stavolta sono entrata.

Attraversando la piazza abbiamo visto le varie statue di bronzo di personaggi celebri e finalmente siamo arrivate di fronte al Big Ben e alla House of Parliament. Abbiamo potuto scattare magnifiche foto con uno sfondo di cielo azzurro, che rare volte ho visto a Londra. Anche qui non siamo entrate, ma se decidete di organizzare un soggiorno più lungo potete informarvi per le visite guidate.

Accanto al Big Ben inizia il ponte di Westminster, da cui si vede benissimo l’immensa ruota panoramica chiamata London Eye. Il giro è molto lento, perché permette di fotografare dall’ alto la città, e vi consiglio di comprare i biglietti in anticipo perché è una meta molto gettonata.  

Dopo ho deciso di portare mia mamma nella mia zona preferita, a sud del Tamigi. Abbiamo pranzato al Borough Market, ricco di bancarelle con ogni tipo di prodotti tipici, dolci, cioccolato, cibo etnico, specialità british. Coloratissimo e sempre affollato, ma davvero particolare: lo consiglio vivamente a tutti. Dovete assolutamente assaggiare una pie, un burger e dei muffin!

Attraversando il London Bridge, si raggiunge il Monument in ricordo del grande incendio che devastò Londra nel e a piedi si arriva alla Tower of London: suggestivo edificio dalla forma simile a un castello, sede dei gioielli della corona. Da qui si gode di una splendida vista sul fiume e abbiamo potuto scattare bellissime foto del Tower Bridge, il famoso ponte che si apre e della Belfast, antica nave da guerra.

 

Adoro questa parte della città, perché è un mix di antico e moderno, camminando lungo il fiume si raggiungono i numerosi luoghi di interesse come la Tate Gallery, il Globe Theatre, il Millenium Bridge, lo Shard (grattacielo di Renzo Piano), il Golden Hinde (antico veliero) e la cattedrale di S.Paul. io e mia mamma siamo state fortunate con il tempo atmosferico e abbiamo potuto trascorrere la giornata all’aperto, con una piacevole temperatura.

Purtroppo i due giorni seguenti abbiamo dovuto ripiegare su mete al coperto, causa vento e temporali.

Volete sapere cosa mi piace di più di questa metropoli?! I musei gratuiti!!

I più grandi e ricchi musei della città sono free, si chiede solo una donazione in cambio della mappa, indispensabile data la dimensione degli edifici.

Sabato mattina alle 9 eravamo già in Trafalgar Square a fare le foto alla colonna di Nelson. Prima di entrare alla National Gallery, che apre alle 10, abbiamo fatto anche una puntata a Piccadilly Circus.

La Gallery è enorme e ospita numerosi quadri, ma se non siete molto appassionati di pittura ve la sconsiglio, perché potreste annoiarvi e ancora di più alla National Portrait, poiché molte opere sono poco conosciute.

Per movimentare un po’ il pomeriggio siamo state a fare shopping in Oxford Street, super affollata come sempre. Personalmente preferisco le bancarelle di Camden Town ( più cartteristiche e particolari), ma qui si trovano molti negozi rinomati e alcuni grandi magazzini con delle vetrine che la sciano a bocca aperta. Quella sera, poi, siamo state a cena in un pub molto carino in Little Venice, una zona caratteristica sul canale a nord di Paddington. 

  Domenica: la pioggia ci ha concesso una tregua e ne abbiamo approfittato per andare a cercare la celeberrima statua di Peter Pan, in Kensington Garden e per fare una passeggiata sulla riva del lago Serpentine fino al Memorial Albert e il Royal Albert Hall.

Sempre camminando in questo lussuosissimo quartiere abbiamo raggiunto il National History Museum. Ovviamente è stipato di gente ogni giorno dell’anno, quindi preparatevi a un pochino di attesa per entrare, specialmente nell’area dedicata ai dinosauri. Nel complesso è ben strutturato e lo trovo molto indicato sia per adulti che bambini, quindi non perdetevelo.

E per concludere la nostra visita in questa splendida capitale non poteva mancare il mio preferito: il British Museum.

È qui che vengono conservati i resti del Partenone e la Stele di Rosetta. Assolutamente da non perdere, si possono scoprire reperti e opere poco conosciute e davvero stupefacenti.

 

 

 

 

 

 

Il lunedì di Pasquetta avevamo un invito a pranzo qui a Welwyn, per presentare mia mamma alla mia host family, quindi abbiamo dovuto salutare Londra, ma di sicuro ci saranno altre occasioni.

Questa città magnifica è colma di nuovi posti da scoprire, è praticamente impossibile stancarsi di Londra!

Silvia SISSY Castello

 

     

 

Comment

SSSSST !!!

1 Comment

SSSSST !!!

“Sbam”! “Whoomp”! “Boom”! Questi suoni onomatopeici li vediamo racchiusi dentro nuvolette che volteggiano sulla testa dei personaggi dei fumetti, oppure li sentiamo in un qualsiasi film alla tv. Guerre Stellari ne è un esempio di rumori di esplosioni e suoni di navicelle spaziali che effettuano mille acrobazie nel cosmo. C’è solo un piccolo particolare: nello spazio non c’è suono.

Ebbene si, nello spazio infinito non esiste alcun tipo di rumore. I suoni e rumori si propagano mediante onde sonore che devono assolutamente far vibrare qualcosa ma se quel “qualcosa” non esiste è ovvio che non si sente niente. Non mi credete? Facciamo un bell’esprimento; domani ognuno di voi si costruisca il suo piccolo shuttle fatto in casa e viaggi fino ad oltrepassare l’atmosfera terrestre. Una volta che l’avrete superata sentirete man mano il rumore dei vostri razzi di propulsioni attenuarsi sempre più, fino al completo silenzio. Se vogliamo proprio fare i pignoli il rumore nello spazio non è che non esista proprio, ma è talmente a basse frequenze, circa 20-20,000 Hertz, che ci vogliono determinati strumenti per analizzarlo e per l’udito umano è impercettibile.

Tutto quello che abbiamo visto fin’ora nei film con grandi esplosioni e una moltitudine di effetti speciali è praticamente impossibile che succeda veramente. Lo stesso propagarsi del fuoco dopo uno scontro tra navicelle in Indipendence Day è non veritiero in quanto lo spazio non è composto da ossigeno che permetta al fuoco di divampare ed alimentarsi.

Curioso invece quello che è capitato all’equipaggio dell’Apollo 10 che sentirono veramente qualcosa durante la loro missione (testimonianze rilasciate dalla Nasa solo nel 2008 e tenute Top Secret) mentre si trovavano nel lato scuro della Luna.

Dalle registrazioni dei tre astronauti “Eugene Cernan”, “Thomas Stafford” e “John Watts Young” viene descritto il suono come una specie di fischio, per citare le loro parole un “Whooooo”.

Conversazione dell'equipaggio. Documenti Top Secret resi ufficiali dalla Nasa

 

Un tecnico dell’Agenzia sostenne che il fischio non fu altro che un interferenza tra le radio del modulo di comando e quello lunare.

Se volete ascoltare il suono direttamente dal canale Soundcloud ufficiale della Nasa

https://soundcloud.com/nasa/chorus-radio-waves-within-earths-atmosphere?in=nasa/sets/solar-system-beyond-sounds

 

Mi verrebbe da pensare che se esista veramente una forma di vita aliena, non potrà mai sentire un bella canzone dei Pink Floyd, magari un bel vinile di “Dark Side of the Moon” o meglio ancora “Space Oddity” di Bowie.

1 Comment

La Centrale Montemartini, da fabbrica a museo d'arte

2 Comments

La Centrale Montemartini, da fabbrica a museo d'arte

Credo che non esista al mondo una città come Roma... La sua mediterranea vegetazione, i suoi scorci suggestivi, i suoi colori, la sua storia e la sua straordinaria Architettura ne fanno una capitale unica e rara nel suo genere.

Questa è la quarta volta che capito nella città Capitolina e ovviamente anche in questa occasione sono riuscito a scoprire dei luoghi incredibili che forse non tutti conoscono… e che naturalmente mi piacerebbe condividere con voi!

In particolare oggi, vi voglio presentare un edificio molto singolare e ve ne consiglio caldamente la visita!

Ci troviamo lungo la via Ostiense, un'antica strada extraurbana che conduce verso Ostia, e arrivati nei pressi della linea B della metro (stazione Garbatella), tra i Mercati Generali e la sponda sinistra del Tevere, si può intravedere un singolare fabbricato industriale con rivestimento in bugnato e curiose vetrate... Ma cosa sara mai????.

Si tratta della Ex Centrale Montemartini (nome dato in onore dell'Assessore al Tecnologico, Giovanni Montemartini) primo impianto pubblico romano costruito nei primi del ‘900, utilizzato per la produzione di energia elettrica e oggi sapientemente rifunzionalizzato ad  area espositiva dei Musei Capitolini.

L’idea è estremamente interessante e suggestiva, ci troviamo di fronte a un fabbricato che di per sé  non è stato concepito come museo d’arte o centro culturale; nasce infatti come centrale a vapore e diviene con il tempo, grazie ad importanti operazioni di riqualificazione, un originale contenitore di opere classiche: un luogo dove ingegno e creatività si incontrano dando vita a un viaggio temporale  perfettamente riuscito!  

Arte classica e macchinari novecenteschi vengono così esposti nello stesso ambiente, conferendo loro la medesima importanza. In questo modo si riescono a ricreare bellissimi giochi di luce e contrasti: il colore bianco delle statue riesce così a risaltare grazie allo scuro sfondo dei macchinari dando vita ad un effetto sorprendente.

UN PO’ DI STORIA…

La Centrale viene costruita attorno al 1912 grazie a politiche incentrate sulla municipalizzazione  dei servizi di trasporto e dell’elettricità; in questo periodo essa risulta uno dei pochi impianti a sistema misto della città: da sola riesce ad elettrificare un gran numero di quartieri a un prezzo più basso rispetto ad altri centri di produzione limitrofi, grazie all' alta efficienza energetica  del suo  sistema misto composto da turbine a vapore e motori Diesel.

I macchinari hanno tutti il marchio Tosi, nome che deriva da Franco Tosi, pioniere dell’industria metalmeccanica e fondatore di una delle più importanti aziende italiane a livello nazionale di fine ‘800.

Attorno agli anni 50, l’Italia vive un periodo di benessere che porta a un notevole boom economico; la centrale risulta ormai vecchia e poco efficiente, così viene ben presto abbandonata al suo destino. Anche il quartiere circostante di via Ostiense ne risente: anno dopo anno iniziano a chiudere altre fabbriche  e la zona si trasforma in un distretto fantasma freddo ed inospitale.

Solo negli anni ’80 si avviano delle idee di riqualificazione per riconfigurare la vocazione amministrativa  e commerciale dell’area  attraverso il ripristino di edifici dismessi . Si attuano così dei lavori per rimettere in sesto la Centrale in modo renderla di nuovo operativa come contenitore museale.

 Negli anni ’90 a causa del restauro del Palazzo dei Conservatori  dei Musei Capitolini, si pensa di inserire temporaneamente le opere in questa fabbrica: l'effetto risulta talmente particolare che quando le statue vengono riportate in sede centrale, si cerca subito di introdurne altre in modo da non spegnere la particolare magia che si è venuta a creare. 

Così le opere statuarie che fino a quel momento erano rinchiuse in magazzini o  scantinati  riescono a trovare un degna collocazione all’ interno della Centrale. In poche parole essa, da museo temporaneo  si converte a vero e proprio museo permanente.

Concludo dandovi un piccolo accenno su cosa andrete a trovare all'interno  in modo da farvi venire la voglia di vederla dal vivo senza rovinarvi la visita!

Appena entrati inizierete a sentire un intenso odore di gasolio proveniente ancora dagli antichi macchinari e dalle strutture dell'edificio ( state pur certi che vi aiuterà a immedesimarvi nel contesto industriale in cui vi troverete!).

Oltrepassato l'ingresso troverete la Sala delle colonne, utilizzata in passato come punto di scarico dei residui delle turbine a vapore, oggi spazio dedicato alle pitture funerarie romane provenienti dall' Esquilino; poco più avanti noterete la sala macchine dove potrete osservare due mastodontici motori Diesel che fanno da scenografia al complesso statuario di prima età imperiale;

Poco più avanti, nella Sala caldaie, noterete colori più pacati e rilassanti: qui si richiamano gli ambienti degli Horti Lamiani, giardini di grande importanza situati sul colle Esquilino; potrete osservare un gigantesco mosaico  rinvenuto ai primi del '900  vicino alla Chiesa di Santa Bibiana (Rione Esquilino) che rappresenta una tipica scena di caccia. 

Non mi dilungo oltre!

Buona Visita!

TIZIANO ZERBO

2 Comments

Miroslav Tichý e l'arte povera nella fotografia.

Comment

Miroslav Tichý e l'arte povera nella fotografia.

Un nome, quello di Miroslav Tichý, che a molti o magari a tutti non dirà nulla. Eppure questa eccentrica figura è stato uno degli artisti più particolari, interessanti e curiosi di questo ultimo secolo.

Partiamo dagli albori, dalla nascita di Miroslav avvenuta nel novembre del 1926 a Kyjov in Repubblica Ceca, paese dove inizierà a muovere anche i primi passi artistici: durante l'adolescenza infatti frequenterà l'Accademia di Belle Arti di Praga avvicinandosi alla pittura in prima istanza per poi abbandonarli in favore della fotografia durante gli anni 40/50. A tal proposito si riporta una sua celebre frase per giustificare questo cambio di ambito artistico: "Tutti i disegni sono già stati disegnati, tutti i dipinti sono già stati dipinti, cos’era rimasto per me?”

Durante gli anni del Socialismo Reale in Repubblica Ceca entra a far parte del collettivo artistico Brněnská Pětka (Brno Five), idealmente contrario all'ideologia corrente e dominante; venendo bollato come dissidente fu costretto a scappare dalla polizia cecoslovacca, iniziando a vivere come un clochard, in piena libertà e dedicandosi comunque e senza sosta alla fotografia.

Durante la sua vita libera e ribelle svolse quasi il ruolo di "reporter delle bellezze locali": infatti durante il periodo che va dal 1960 al 1985 scattò migliaia di fotografia nella sua città natale di Kyjov, la maggior parte delle quali ritraeva delle donne. La sua indole artistica gli permette di scattare foto eccellenti e nonostante le condizioni di vita precarie, scatta e sviluppa a rotta di collo moltissime fotografie.

I soggetti come già detto sono donne, la maggior parte delle quali ignare di essere fotografate e quindi intente nelle loro mansioni e vite di tutti i giorni, ormai abituate a quella eccentrica figura. Donne di ogni età intente a camminare, ridere, scherzare, andare in bici, fare la spesa, chiacchierare sul balcone, attimi di vita normale rubati per sempre al tempo dall'artista.

La cosa che aiutò molto Miroslav a passare sempre inosservato o quasi fu la sua particolare attrezzatura: ognuna delle sua fotografie è stata scattata con delle macchine fotografiche ideate e costruite da lui stesso con materiali di riciclo e scarti. Una serie incredibile di macchine e obiettivi costruiti con niente ma perfettamente funzionanti, dimostrazione che con intelligenza, conoscenza e passione la fotografia è alla portata di chiunque.

Vorrei qui riportare delle parole, tratte dal blog "contemporary art Torino Piemonte" che riassumono al meglio il pensiero mio e non solo sulla fotografia e sui soggetti di Miroslav:

".. Non sembra che lui le stia spiando. E invece è lì e da non troppo lontano coglie tutti quei dettagli, i gesti e le smorfie che le rendono inconsapevolmente belle. È la sua interpretazione personale dell’azione di sorveglianza esercitata dal regime. L’immagine che ci ritorna, però, non contiene sospetti, condanne e giudizi.

Ci sono solo i momenti, lo spazio e il tempo di una bellezza che diventa un sogno. Le foto sono sfocate e impolverate come un ricordo; strappate, graffiate e macchiate come la realtà. Il movimento è naturale, la perfezione un’illusione, l’erotismo fantasia.

Fotografare è dipingere con la luce. Un atto concreto che si compie senza pensare a nulla. E poi, sedersi e dormire sulle foto, sviluppare la pellicola di notte in una vasca da bagno, immergere le mani nell’acido.

È la naturale imperfezione della realtà che crea la poesia."

Fino agli inizi del 2000, Tichý risulterà sconosciuto ai più ed alla comunità artistica finché le sue foto vennero "scoperte" dal critico d'arte Harald Szeemann che gli organizzò una mostra alla Biennale di Arte Contemporanea di Siviglia nell'ormai lontano 2004. Da allora le sue foto sono state sempre di più apprezzate, ricercate e valorizzate, venendo addirittura esposte a Madrid, Palma di Maiorca, Parigi e New York.

Vorrei concludere questo mio lungo articolo riportando una poesia, scritta da lui stesso, prima di morire nel 2011, sulla sua vita eccentrica e libera:

"Se fosse una passione, sarebbe il people watching.

Se fosse l’arte, sarebbe un’idea.

Se fosse un’ossessione, sarebbe una donna.

Se fosse un oggetto, sarebbe qualsiasi oggetto.

Se fosse un posto, sarebbe il cassetto di un comodino.

Se fosse un limite, sarebbe il tempo.

Se fosse lui, sarebbe un bel nome."

 

Mattia Corbetta

 

Image Credits:

ww.icp.org

www.tpi.it

http://marcocrupifoto.blogspot.it

http://blog.contemporarytorinopiemonte.it

Comment