Tiziano nasce a Colombo in Sri Lanka il 28\04\1986,  Biella è il suo paese adottivo già dai suoi primi 3 mesi di vita. È un ragazzo simpatico ed estroverso che trasmette allegria, anche se lui si definisce timido.Ho avuto il piacere di intervistarlo in un incontro di 2 ore, mi ha permesso di curiosare nella sua vita e conoscere le sue passioni, e i suoi interessi…l’Architettura è la prima  tra questi, si vede da come ne parla, con me e nei suoi articoli, per lui non è solo un lavoro ma una forma d’arte. Finito il Liceo Scientifico Tecnologico, da zero prende coraggio  e decide di intraprendere l’avventura, frequentando l’Università di Architettura Tradizionale e trasferendosi a Torino, cosa che gli permetterà di conoscere non solo dei coinquilini ma  dei veri e propri amici, con cui condividere gioie e dolori. Dopo la laurea tornato a Biella, Tiziano decide di frequentare un Corso a Monza, di Agraria, come tecnico progettista del verde per specializzarsi in Garden Design, da ottobre a dicembre collaborando al con uno Studio di Alassio per un concorso di una piazza a Salò, inizia ad entrare nel mondo del lavoro, per poi tornare a Biella in gennaio e collaborare con uno Studio di agronomia e architettura del paesaggio, dove può dar sfogo alla fantasia nella realizzazione di giardini e chi lo sa magari un giorno seguire le orme del suo Architetto preferito, Frank Lloyd Wright (architetto del 900 creatore della casa sulla cascata in Pennsylvania e del Guggenheim Museum di New York). Tra le passioni del nostro redattore, troviamo la fotografia paesaggistica, ha partecipato ad alcuni concorsi tra i quali “Il bello dell’architettura” a Diano Castello.

Durante il periodo universitario  frequenta un corso di doppiaggio della durata di un anno, con Ivo De Palma, doppiatore di Pegasus nel famoso anime giapponese i Cavalieri dello Zodiaco!I Killers, Coldplay, Arnim Van Buuren sono alcuni degli artisti che compongono la colonna sonora della sua vita, ama i concerti, infatti è appena tornato dallo “A state of trance” in Olanda. È bello vedere un ragazzo deciso che sa cosa vuole dalla vita e fa di tutto per cercare di realizzarlo, tra i suoi sogni c’è quello di un esperienza lavorativa in Giappone, precisamente a Kyoto,  paese che ha visitato e dal quale è rimasto folgorato,per  imparare le tecniche del luogo nella progettazione di giardini, nel suo futuro vede uno studio di architettura tutto suo, per poi magari in un futuro trasferirsi nel sud della Francia o in Olanda .Mi hanno insegnato che “il posto dei sogni non è il cassetto” quindi non mi rimane che augurargli di aprire il comodino e di realizzare tutto al più presto!!

Giorgia Fusi