Il cinema riesce a farci viaggiare con la fantasia e a farci conoscere mondi lontani e sconosciuti, ai quali ci affezioniamo come se li avessimo realmente visitati. 

Per venire incontro alle esigenze del turista cinefilo, è nato il cineturismo, neologismo che indica la possibilità, attraverso tour guidati, di visitare le location di film o serie tv. Una nuova forma di viaggio che troviamo sempre di più all'interno delle offerte turistiche. 

Dal boom turistico in Nuova Zelanda dopo la trilogia de Il signore degli anelli di Peter Jackson all'interesse “rosa” per i set newyorkesi di Sex and the City o per quelli “more british” di Harry Potter, è evidente come il fenomeno cineturistico sia in costante ascesa. 

A riprova del fatto che si estenda anche al pubblico italiano, è interessante vedere come dopo la vittoria di Sorrentino agli Oscar, abbiano preso vita movie-tour romani per le locations de La grande bellezza. Anche Torino non è da meno: l'Associazione Museo Nazionale del Cinema ha realizzato  nel 2013 una mappa cineturistica, consultabile gratuitamente al sito www.movieontheroad.com e grazie alla quale a breve partiranno i primi tour guidati nella città.

Ad Istanbul sembra non esistano ancora tour di questo tipo, stranamente, anche perché  è una città che respira cinema: oltre ad ospitare una decina di interessanti festival cinematografici (tra cui l'International Independent Film Festival, l'Istanbul Film Festival, l'Istanbul International Short Film Festival, il Filmekimi e il Festival di Cinema Criminale), Istanbul ha avuto l'onore di ospitare molti importanti film. 

Il grande schermo ci ha accompagnato per le vie, i bazar e i palazzi della capitale turca, che si presta come location per le storie più differenti. Come non innamorarsi a prima vista della Basilica di Santa Sofia, la Moschea di Sultanahmet, il Grand Bazaar e il Palazzo Topkapi? 

Ambientati in questa affascinante città, film universalmente noti come Agente 007. Dalla Russia con amore (Terence Young, 1963), dove un giovanissimo Sean Connery vola nella capitale turca (nella foto lo vediamo all'interno della Basilica di Santa Sofia) a risolvere intrighi segreti e dove incontrerà la bellissima Daniela Bianchi, che interpreta l'agente segreta russa Tatiana Romanova. Interessante il fatto che il film sia stato girato negli anni in cui la città non raggiungeva i due milioni di abitanti, mentre ora oltrepassa i tredici milioni: un bel tuffo nel passato, quando Istanbul brulicava di hamals e grandi auto americane.  

Famosissimo anche Fuga di mezzanotte (Alan Parker, 1978), thriller ad alto impatto emotivo tratto dalla vera storia di William Hayes, giovane americano arrestato per tentato contrabbando di stupefacenti e detenuto in condizioni davvero abominevoli: una dura critica al sistema carcerario turco, ritenuta esagerata dallo stesso Hayes.

Precursore di tutti i film alla “mission impossibile”, Topkapi (Jules Dassin, 1964) è una commedia che racconta il tentativo di una banda criminale di sottrarre al sultano un prezioso pugnale custodito nel famoso Palazzo Topkapi di Istanbul. Oscar a Peter Ustinov come Miglior attore non protagonista.

 

Sono ambientati ad Istanbul anche film dai toni più intimisti come La passione turca (Vicente Aranda, 1994) che racconta la storia d'amore tra una turista spagnola e l'uomo che le fa da guida turistica nella capitale turca, o come La sposa turca (Fatih Akin, 2004) che tratta invece il tema dei matrimoni combinati in maniera drammaticamente coinvolgente, o ancora come Un tocco di zenzero (Tassos Boulmetis, 2003) che utilizza la metafora del cibo e delle spezie per raccontare le esistenze dei personaggi stessi.

Non dimentichiamoci poi de Il bagno turco (1997) e Harem Suaré (1999), realizzati dal nostro ormai compatriota Ferzan Ozpetek nella sua città natale. 

Nel 2005 Fatih Akin gira Crossing the Bridge: The Sound of Istanbul, appassionata indagine sul melting pot musicale di Istanbul, partendo dal Grand Hotel Londres a Beyoğlu, centro della vita culturale della città. 

Negli ultimi anni sono stati girati invece veri e propri blockbuster come Taken 2, la vendetta (Olivier Megaton, 2012), sequel di Io vi troverò (Pierre Morel, 2008), che narra le rocambolesche avventure di Liam Neeson mentre si trova a dover salvare moglie e figlia, sullo sfondo della capitale turca.

Impossibile dimenticare l'inseguimento mozzafiato di Chris Evans nel Grand Bazaar in Skyfall (Sam Mendes, 2012): l'agente 007 torna in grande stile sul territorio turco, dopo quasi cinquant'anni!

Infine, il pluripremiato Argo (Ben Affleck, 2013) pur  essendo ambientato a Teheran è stato in realtà girato nei quartieri storici di Istanbul Beyoğlu, Fatih e Eminönü, e all'interno del museo di Santa Sofia.

Per il turista appassionato di cinema, sarà ancora più interessante visitare questa affascinante città ripercorrendo le orme di attori e registi!

 

Valentina D'Amelio

 

Fonti immagini:

http://www.lsdmagazine.com/wp-content/uploads/2008/05/ischiafilmfestival2008.jpg 

http://onemovieeachday.files.wordpress.com/2012/10/bond-hagia-sophia.jpg 

http://nuovocinemalocatelli.com/2012/10/22/viaggiare-con-il-cinema-a-istanbul-con-10-film/

http://lemusedikika.blogspot.it/2013/10/un-tocco-di-zenzero-modacinema.html 

http://www.moviemoviesite.com/images/Films/Films%201961-1970/topkapi.jpg 

http://www.jaunted.com/files/18788/oo7istanbul.jpg 

http://www.tjbd.co.uk/wp-content/uploads/2012/05/Filming-of-Skyfall-continues-in-the-beautiful-city-of-Istanbul-450x450.jpg 

Comment