3 luglio 2017. Sembra una data qualsiasi ma per un appassionato di musica sa cosa vuol dire: unica data italiana del tour dei Coldplay, nota band pop\alternative rock britannica

Abbiamo già parlato della suddetta band in uno dei primi articoli di Forge of Talents ma ora siamo tornati letteralmente sul pezzo con una questione decisamente più spinosa.

Torniamo dunque indietro nel tempo: venerdì 7 ottobre 2016, ore 10.00: parte la vendita libera dei biglietti per il concerto di San Siro (Milano) e qui succede il fattaccio.

Alle ore 10.02 i biglietti sono già tutti esauriti. Come può essere successo? Così tanti fan di colpo per un biglietto di un concerto? Ed ecco che immediatamente sul sito spunta (come già da casi sucessivi) un’altra data, ovvero il 4 luglio 2017, il giorno seguente.

Ma anche qui la rapidità con cui viene preso d’assalto il sito di Ticketone e Livenation è sbalorditiva.

Mezz’ora dopo l’apertura dei canali ufficiali i biglietti risultano sold out. Parliamoci chiaro: se è una delle band più seguite e famose al mondo ci sarà un perché e la rapidità della vendita dei biglietti è una cosa normalissima. Ed è proprio qui che avviene un secondo fatto incredibile.

A pochi minuti dal sold out, su siti online di vendita di biglietti che non corrispondono ai canali ufficiali spuntano magicamente migliaia di tagliandi del concerto a prezzi esagerati.

I prezzia confronto? 46 euro per gli anelli verde e blu, tra i 57 e i 98 quelli degli anelli più bassi, 98 per il prato ovvero il posto più ambitoe 109,25 quello dell’anello rosso numerato. Prezzi decisamente in linea con tutti i grandi concerti che si tengono a Milano. Sul sito Viagogo il prezzo più basso attualmente disponibile è 166,82 euro per un biglietto all’anello verde, circa tre volte il prezzo originale. Il problema però è che si sale vertiginosamente superando i 200, i 300 euro, fino all’assurda cifra di 1780,94 euro per l’anello rosso, circa 16 volte la cifra originale.

Molti fan dei Coldplay sono pure caduti nella trappoladel sito coldplay2017.com. Sul sito svizzero è infatti possibile ordinare gli ingressi per lo spettacolo, persino con l'opzione della consegna a domicilio con prezzi che anno dai 109 ai 149 euro. Peccato che il sito sia una truffa bella e buona, pronta a raggirare un fan disposto a tutto pur di andare al concerto.

Ma i Coldplay non sono gli unici artisti sul quale si è verificato tutto ciò; Bruce Springsteen per un concerto nella nostra nazione sono stati venduti 30 mila ticket a circa 97 euro di valore medio in pochi secondi e rivenduti a 670 euro.

Dietro a tutto ciò è impensabile che non vi sia un business milionario e il PM il adriano Scudieri ha aperto un'inchiesta ,al momento contro ignoti, in cui ipotizza i reati di Sostituzione di persona e truffa informatica.

“In Italia il bagarinaggio non è illegale”, queste le parole dell’amministratore delagato di LiveNationIT.

No comment.

Attenderemo il lavoro delle Fiamme Gialle per vedere se ci saranno provvedimenti in futuro, magari con una nuova legge da presentare in Parlamento e finirla con questo scempio.

Se ci tolgono pure il sogno di poter divertirsi ad un concerto dei nostri beniamini e non pensare per qualche ora ai nostri problemi e potersi solo divertire, dove andremo a finire?

Comment