Bentornati lettori di Forge, e buon 2016!

Visto che le buone abitudini non si abbandonano neanche nel nuovo anno, per questo primo numero del 2016 vorrei farvi scoprire un altro artista estratto dal cilindro di Instagram: Jeremy Mann.

Nato nel 1979 a Cleveland, Ohio, si è laureato con lode in "Fine Art-Painting" (Pittura).

In seguito, si è avventurato in California dove ha conseguito il Master  alla Academy of Art University di San Francisco.

Da allora, il nome di Jeremy Mann ha cominciato ad essere sempre più citato nel mondo dell'arte.

Mann lavora su pannelli di legno ed utilizza varie tecniche.

 I suoi quadri sono realizzati macchiando le superfici delle tele, asciugando le vernici con solventi e applicando materiale verniciante granuloso con un diffusore.

La sua fantastica peculiarità è quella di dipingere atmosfere e paesaggi urbani utlizzando una tecnica molto affine allo stile impressionista.

Al posto di paesaggi rupestri, ninfee o città ottocentesche, Mann “impressiona” su tela grattacieli, auto nel traffico e luci artificiali di neon e maxischermi.

Ciò che però  rimane intatto rispetto ai suoi maestri impressionisti è il ritrarre splendide donne nei loro momenti più intimi e nascosti, rendendo quasi tangibile la loro femminilità.

Ora vi lascio gustare alcune delle sue opere, certa che come me ne rimarrete estasiati.

città4.jpg
Composition+144+-+The+L.jpg
jeremy-mann3.jpg
A+Long+Abandoned+Dream+1.jpg
jillian.jpg



A presto.

Valentina Poerio


“I grandi artisti non rubano, copiano”.

Steve Jobs


Crediti tratti dalla pagina ufficiale: redrabbit7.com

Account Instagram: Redrabbit7


Ps. Parte del titolo è liberamente tratta dal nome di un album di un artista a me molto caro, Paletti. Ascoltatelo. ;)


        


Comment