Cari lettori di Forge, questo mese noi di Infrigoveritas vi porteremo in trasferta nella magica capitale della Repubblica Ceca. 

Praga, Ponte Carlo

Praga, Ponte Carlo

Abbiamo appena trascorso quattro giorni a Praga, per una vacanza cultural-gastronomica di quelle che ci piace tanto fare. Non vi parleremo dell'architettura eclettica e affascinante, dei paesaggi mozzafiato (resi ancora più fiabeschi dai colori dell'autunno), della storia e dei misteri che avvolgono questa meravigliosa città... (per tutto questo basta chiedere a Google =D) noi vi racconteremo attraverso il cibo la nostra esperienza e le nostre sensazioni di gusto cercando di trasmettervi l'atmosfera magica e carica che si respira a Praha. Pronti per fare questo viaggetto con noi?

La nostra vacanza non poteva iniziare se non con un boccale di birra (pivo), che a Praga è la bevanda ufficiale da consumare...a litri. Considerate che per 0,5lt di buonissima birra ceca si spendono 40 corone (1,20€) e costa meno dell'acqua. Le più famose sono la Pilsner e la Urquell.  Se volete poi farvi coccolare a 360° dal luppolo, non potete perdere l'esperienza delle terme allo “Spa Beerland Prague” dove immersi in tinozze (tub) pieni di birra calda, potrete rilassarvi e spillarvi la vostra birra preferita.

Praga, Terme della Birra

Praga, Terme della Birra

Ma ora pensiamo a mangiare! Scordatevi diete leggere e povere di grassi perché le ricette tradizionali ceche sono estremamente ricche di calorie, mettete pure in conto di ingrassare almeno un chilo al giorno nella vostra vacanza.                                                                             Nella cucina ceca si sente moltissimo l'influenza della cucina tedesca. I piatti principali generalmente sono a base di carne (maso) di manzo o maiale, accompagnati da contorni e salse. La carne affumicata , come il prosciutto di Praga (sunka) spesso viene servita come antipasto. Il piatto di carne più diffuso è il maiale (veprove) servito arrosto e accompagnato da crauti o gnocchi di pasta lievitata. Ottimi il pivni gulas (stufato di carne di maiale che si accompagna con patate bollite e panna acida) e il veprovy rizek (cotoletta di maiale impanata e fritta... la nostra milanese).  Un alleggerimento dei pasti cechi è rappresentato dalle zuppe, immancabili in ogni menu. La più famosa è quella all'aglio, cesnekovà polevka (ma noi non l'abbiamo mangiata per evitare l'effetto antivampiro =D).

Nel centro storico della città vecchia sono tantissimi i ristoranti tradizionali dove poter mangiare, ognuno diverso e unico proprio come nello stile della città un po' gotica e un po' bohemienne. Ecco il nome di due posti ad hoc dove vale assolutamente la pena di andare: da “U Budovce”, mangerete in un atmosfera retrò accompagnati da musica jazz live e da “U Pravdu”, circondati da scaffali pieni di vecchi libri, vi sentirete trasportati in un altra epoca.

Camminando per le strade della città, fermatevi ad assaporate lo street food praghese nei caratteristici carrettini che vendono hotdog a base di salsicce di ogni genere cotte alla griglia, crauti e co. Sono sì unti e bisunti ma il gusto è strepitoso. Eh si, tempi duri per i vegetariani nella città di Kafka, anche se i menù si stanno evolvendo anche verso nuovi gusti.

A nostro avviso l'unico dolce tipico degno di nota è il Trdelnik, un manicotto di pasta di pane cosparso di zucchero vanigliato e mandorle tritate e cotto in forno a legna. Delizioso. Provatelo da Krusta, è il top!

Per immergervi ancora di più nello spirito della città, da provare la bevanda prediletta dai poeti maledetti, l'Assenzio o Absinth, un distillato molto amaro dal gusto di anice che supera i 60° e dal caratteristico colore verde (da qui il soprannome Fata Verde). I tempi e i gusti sono cambiati anche per l'assenzio, ma rimane il fascino di gustarlo in un locale tipico e dal sapore di tempi passati.

Praga è una città Magica. Quando riparti ti rimane dentro un misto tra gioia e malinconia.. una strana sensazione che la rende unica e da vivere assolutamente.

Amici al prossimo mese!

Georgia Rivelli & Anna Perucca


1 Comment