Personalmente non avevo dubbi, ma a conferma è stato constatato da alcuni cervelloni che viaggiare fa bene, dicono sia un ottimo anti età, che ci renda persone migliori, stimoli la nostra produttività, e intelletto. Il viaggio (inteso come vacanza) secondo il Baylor College of Medicine di Houston, che fonda la sua ricerca su un’analisi della percezione del tempo da parte dell’uomo, ha scoperto che visitare posti nuovi ci rilassa a tal punto da illuderci che il giorno duri più a lungo; mentre il solo fatto di organizzare il viaggio, stimoli l’immaginazione e, una volta arrivati a destinazione, ci trasformi in esploratori capaci di provare e percepire sensazioni nuove.

Osservatori e scopritori di attimi e dettagli che non avremmo provato in altro modo, se non unicamente come spettatori!

Se esistesse un associazione si chiamerebbe: “Turisti anonimi” ed io mi presenterei in questo modo:

 - Ciao, mi chiamo Giorgia, e sono “travel addicted”!

Il cuore nomade e questa piacevole ossessione, le ho ereditate dai miei genitori. 

Alle borse firmate e ai gioielli preziosi, ho sempre preferito un semplice pezzo di carta con impresso, data e destinazione, ho affrontato la paura di volare con un primo volo di 10 ore, le colazioni che preferisco sono in autogrill, stazione e aeroporto, il posto che mi fa provare più emozioni è sopra le nuvole! Amo con tutto il cuore il “Viaggio” e ciò che rappresenta.

Questo primo articolo vuole essere una breve introduzione di quello che andrò a raccontarvi prossimamente.

Sarà un onore per me consigliare e condividere con chi vorrà leggermi, ciò che sono riuscite a trasmettermi e insegnarmi le avventure che ho avuto la fortuna di vivere,  non ho la presunzione di sostituirmi alle indispensabili guide turistiche, mie care compagne di viaggi, ma vorrei semplicemente provare a rivivere con voi, per quanto possibile, alcuni ricordi  ed emozioni vissute sulla pelle.

Voleremo dai cieli tersi di Buenos Aires,  all’affascinante e caratteristica nebbia di San Francisco, dall’oblò dell’aereo avvisteremo le dune rosse di Dubai e le verdi colline della Maremma Toscana. 

Per ogni paese farò riferimento a video, siti internet, riviste o blog che possono interessare in quanto a me sono risultati molto utili. 

Non vi consiglierò solo i tipici monumenti (che potete trovare su Wikipedia), ma  parlerò di cibo, eventi, delle cose da provare e quelle secondo me da evitare, mi addentrerò in quei piccoli posticini, a volte nascosti, conosciuti solo da chi il viaggio, non lo vive come turista ma come parte integrante di questo mondo immaginario senza confini.

“il viaggio è quella cosa che acquistandola ti rende ricco”   (Nomadi Digitali)


Giorgia Fusi

Comment