"Il bacio è un dolce scherzo che la natura ha inventato per fermare i discorsi quando le parole diventano inutili".

Ingrid Bergman

 

 Il 6 luglio è la Giornata mondiale del bacio.

Che ricorrenza meravigliosa, ed io come inguaribile romantica non posso che celebrarla a modo mio, deliziandovi con tutti i baci più belli dell'arte e della fotografia.

Partiamo da un grande classico, Il Bacio di Francesco Hayez.

Questo capolavoro dell'arte italiana è anche un’icona per tanti innamorati ed è stato realizzato da Hayez intorno al 1859. Fa parte del cosiddetto Romanticismo italiano, una corrente artistica che si sviluppò durante l'Ottocento e di cui l'artista era uno degli esponenti più importanti.

 

Gli Amanti – Renè Magritte

Il dipinto ci mostra due persone che si baciano ed hanno i volti coperti da un panno bianco, che si ipotizza che sia un’ invenzione dell'artista per creare una metafora del suicidio della madre morta, vista la sua ossessione nel coprire i volti.

Il bacio fra i due amanti è un' immagine che parla di morte e dell'impossibilità di comunicare, i due personaggi dietro il panno si scambiano un amore muto che conosce solo il linguaggio del corpo. 

 

Il Bacio – Gustav Klimt

il-bacio-di-klimt.jpg

I due amanti esprimono una grande tenerezza, in particolare l’uomo che tiene delicatamente tra le mani con la testa della donna e la bacia sul viso. Il suo abbraccio è avvolgente e protettivo.

 

Il Bacio – Pablo Picasso

“Il bacio” di Picasso realizzato nel 1925 è conservato nel Musée National Picasso di Parigi. Nel dipinto sono rappresentati un uomo e una donna nell’atto del bacio, anche se il caos rende la situazione convulsa e incomprensibile,come in un’esplosione di passione.

 

 Il Compleanno – Marc Chagall

Il compleanno di Chagall è una storia d’altri tempi, riassunta con un bacio in volo sulle labbra, un uomo che col corpo si solleva per raggiungere la sua amata.

 

Il Bacio – Edward Munch

In questo caso la tristezza del bacio di questa coppia è data da un sentimento di fugacità, di clandestino, dovuto alle tonalità dei colori e alla rappresentazione dell’opera. Il locale disadorno ne è una prova. Oltretutto i colori ricordano le luci tipicamente nordiche. Il vicolo sullo sfondo completa il quadro nostalgico per qualcosa che forse è appena iniziato ma è già al tramonto, una passeggiata solitaria su vicolo poco affollato, è la solitudine dell’uomo.

 

Ci sarebbero mille altri esempi, un gesto così espressivo come un bacio è stato ripreso dall’arte di tutti i tempi, poiché nella sua semplicità riesce a trasmettere sentimenti ed emozioni anche attraverso una tela.

Per concludere però utilizzo una fotografia, credo che sia la mia preferita da sempre, o perlomeno da quando fin da piccola sognavo che qualcuno mi baciasse così (ve l’avevo detto che sono un’inguaribile romantica).

Lasciatevi ispirare dall’amore che pervade questa fotografia del grandissimo genio Robert Doisneau e baciate, baciate come fanno i due protagonisti.

 

Perché in fondo, un bacio è una magia.

 

Valentina Poerio

 

Credits:

viaggi.corriere.it

wikipedia.it

Comment