"Cosa direste ad una donna, ad una moglie, che a 10 giorni dal natale vede suo marito spararsi in testa?

Nessun segnale premonitore, nessuna spiegazione, nessun biglietto."

Se avete provato un senso di smarrimento, di tristezza e di impotenza o, come me una morsa allo stomaco tranquilli, siete umani.

 

Con queste parole che mi risuonavano in testa ho iniziato a scrivere l'editoriale di dicembre, perché la realtà mi ha ricordato quanto sia importante ogni istante, per poter mettere in pratica quello che ho scritto il mese precedente, ossia custodire il proprio spirito di festa dentro di me invece che affidarmi a luci colorate e doni inutili.

Ma non ho avuto cuore, ne la forza di continuare a scrivere.

Allora vi dirò solo con orgoglio e commozione che siamo arrivati ad un anno insieme, che mi sembra impossibile quante difficoltà abbiamo superato, quante novità e quanta voglia di fare ci pervade! Da questo mese troverete una nuova rubrica all'interno del magazine chiamata "Accidentally in Words." e curata dalla new entry della nostra famiglia, Silvia Castello (ma chiamatela Sissy!) e presto spero di potervi introdurre ad un'altra figura che si affiancherà a noi da gennaio.

Quello che mi resta da fare è ringraziarvi per questo primo anno, augurarvi di passare delle serene vacanze per chi le farà, di godervi l'affetto di amici e familiari e di vivere al massimo ogni istante, non solo a natale!

Un abbraccio da tutta la famiglia Forge ed al prossimo anno, sempre insieme!

 

Mattia Corbetta

Comment